Mese: maggio 2018

Che cosa sono i ghost link e in che modo influenzano la SEO?

Che cosa sono i ghost link e in che modo influenzano la SEO

Ci sono molti termini nel Marketing online che possono sembrare un pò familiari ad alcuni di voi, come i ghost link, ma ancora non sai da dove provengono e cosa significano. Oggi abbiamo deciso di fare un po’ di luce su questo argomento, e di farvi vedere che la sua ripercussione è molto importante per coloro che si dedicano alla link building, l’arma perfetta per la SEO. Come dicevo, i collegamenti fantasma derivano dalla pratica redditizia della costruzione di collegamenti. Chi non è un tecnico SEO e vuole capire bene questo concetto, deve prima sapere bene che cosa la tecnica di costruzione di link comporta:

Il link building è una tecnica diffusa utilizzata da persone che generano contenuti di qualità sul proprio sito web o blog. La funzione di questa tecnica e la sua efficacia risiede nell’utilizzo di link da parte di terzi che indicizzano i nostri contenuti.

Se un sito web esterno ci collega al suo contenuto, potremmo dire che ha fatto “link building”. Bene, il vantaggio che otteniamo è che questo contenuto è condiviso da molte più persone, come sarà mostrato su altri siti dove il pubblico è completamente diverso da quello che abbiamo sul nostro sito web.

Se, inoltre, tale contenuto si espande a macchia d’olio, avremo maggiori possibilità di trarre vantaggio dal nostro posizionamento su Google. Ma non dimentichiamo qualcosa: si tratta di contenuti di qualità che aggiungono valore.

Come per ogni azienda e marchio che si merita, il posizionamento è essenziale per ottenere la visibilità che vogliamo. Più azioni di diffusione in loco e fuori sede realizziamo, meglio sarà. Siamo d’accordo su questo, no? E se questa diffusione si stabilisce attraverso il link building, i nostri migliori alleati saranno i contenuti indicizzati.
Ma… Cosa succede quando i link diventano Ghost e come questo influisce sul posizionamento?

Quando il contenuto diventa obsoleto nel tempo, viene “cancellato” e i suoi link “scompaiono” agli occhi di Google, diventando “link fantasma”.

Molte persone credono che perché sono “scomparsi”, la classifica scenderà drammaticamente dalle ricerche, ma questo non è il caso a tutti, come ci sono altri fattori che fanno il nostro sito web non scompare.

Secondo uno studio condotto dall’agenzia americana Moz, questi link continuano (dopo essere scomparsi) a generare lo stesso ranking sul nostro sito web per almeno i prossimi 4 mesi. Vale a dire, che Google rispetta per un po ‘la popolarità acquisita dal web attraverso quei vecchi link, ora convertiti in link fantasma.

Ecco perché è importante sottolineare che le tecniche di SEO, più sono raffinate e studiate, più miglioreranno la nostra salita verso la cima del motore di ricerca.

Le nostre strategie di SEO sono di vitale importanza, come (come potete vedere) la nostra tecnica di costruzione di link è ancora molto vivo e generare benefici per il nostro sito web e la nostra azienda nel tempo.

Ma esiste un divano moderno con letto comodo?

Divano moderno con Letto Comodo…esiste?

Un divano moderno magari con letto comodo per dormire deve soddisfare un requisito fondamentale: deve avere un materasso alto. L’altezza media di un materasso da letto va da un minimo di 18 cm ad un massimo di circa 30 cm. Se quello che cercate sono divani moderni design con letto per tutti i giorni, non potete certo sperare di riposare comodi con un materasso da 12 cm. Gli imbottiti, specialmente se rivestiti in tessuto, attirano la polvere. Se siete allergici ad acari e polvere potete anche optare per un divano letto in pelle o ecopelle.

Il segreto per un divano moderno comodo?

La rete in più può essere usata singola o accostata al divano per ricavare un matrimoniale. In entrambi i casi riuscirete a contenere l’ingombro del letto e risparmiare, nel caso del matrimoniale, una trentina di centimetri (la profondità totale sarà infatti di circa 160 cm invece che di 190 cm). Volete risparmiare ancora più spazio in profondità? Scegliete un divano moderno con letto  e cuscini ribaltabili integrati: rimanendo attaccati al meccanismo e scomparendo sotto la rete lasceranno più spazio libero al materasso che sarà così aderente alla struttura posteriore del divano, occupando meno in profondità. Se il pregio è quello di ingombrare meno, il difetto è quello di non avere uno schienale d’appoggio per chi vuole leggere o guardare la tv seduto a letto.

 

Vi state chiedendo se un divano moderno Ikea possa essere una buona soluzione? Spesso quando si ha a che fare con un brand come questo, che viaggia su prezzi piuttosto economici rispetto ad altri marchi di arredamento, si teme di fare l’acquisto sbagliato. In realtà però Ikea sta iniziando a sorprendere: negli ultimi anni le proposte sono sempre più moderne e all’avanguardia, con un rapporto qualità-prezzo davvero eccellente. Certo, un divano letto Ikea ad esempio da 500 euro non potrà mai essere paragonabile ad un modello di un altro marchio dal valore di 2000 euro! Tuttavia, le soluzioni nel nuovo catalogo 2017 ci sembrano davvero interessanti e vale la pena darci un’occhiata. Come abbiamo già visto quando abbiamo parlato dei divani Ikea, alcuni modelli sono degni di essere presi in considerazione e secondo noi il migliore in assoluto è il divano letto Holmsund. Questo modello di divano letto Ikea è tra i più belli in assoluto, ma anche funzionale perchè dotato di contenitore per riporre la biancheria da letto direttamente sotto la chaise-longue. Una cena sul divano è divertente diversivo per passare una serata in compagnia di famiglia ed amici ma anche un pretesto per organizzare una cena romantica… ma non troppo. Se l’idea vi stuzzica a seguire qualche idea su come dar vita ad una cena sul divano dalla disposizione dei mobili al menù. Concedersi il lusso di cenare sul sofà con del cibo alternativo, è molto appagante. Mettersi comodi senza avere le restrizioni della tavola è rilassante e se fatto in compagnia può essere molto divertente. Molti medici hanno sottolineato il fatto che cenando sul divano è possibile, chiacchierando o guardo la tv, distrarsi e mangiare più del dovuto. Cenare sul divano non deve, quindi, diventare un’abitudine ma se fatto una volta ogni tanto non ha effetti collaterali. Per cenare sul divano c’è bisogno di un po’ di organizzazione. Per prima cosa dovete valutare quali piani d’appoggio avete a vostra disposizione e quanto spazio vi serve per apparecchiare.

Basta prendere qualche pallet di legno (o bancale come spesso vengono chiamati), verniciarlo con un colore acceso ed abbinandone quattro si ottiene la base su cui possiamo appoggiare un comodo materasso ottenendo un divano economico. E la scelta di colori non ha confini, basta solo fantasia e cercare di abbinare il nuovo oggetto del proprio arredamento con pareti e mobili, magari di un bel rosa confetto o azzurro cielo. A proprio piacimento con l’aggiunta di qualche comodo cuscino per appoggiarsi, si ha la comodità di un divano con la possibilità di un solido ripiano accanto per appoggiare una bibita fresca o qualche nuovo libro da leggere. Coniugare creatività, risparmio e rispetto per l’ambiente sono sempre più tre direttive a cuore di molti, perché allora non realizzare dei divani economici fai da te di materiale riciclato? Per prima cosa acquistare (a prezzi davvero contenuti, quasi irrisori) pallet industriali utilizzati ma in buono stato e soprattutto puliti. Si trovano in moltissime aziende, conviene iniziare a cercare tra quelle vicino a casa. Il numero dei pallet varierà a seconda delle dimensioni del sofà che vogliamo creare.

Quelli che preferisco in assoluto in tessuto fissi e angolari. Divani eleganti, ma al tempo stesso accoglienti e caldi. Inoltre c’è da perdere la testa, solo per scegliere i tessuti di Chateau d’ax di alta qualità. Qui trovate una selezione dei divani in tessuto di Chateau d’ax più belli di quest’anno. La qualità dell’imbottitura del divano Dudy riesce a delineare la forma ispirata alla tradizione per renderla attuale. Edo è un divano nato da una forma pura dalla quale è scaturito un progetto talmente razionale da sembrare famigliare. Il divano Edo si puà avere con la scocca in pelle e cuscinatura in tessuto, oppure tutto in tessuto o pelle. Divano Xelle ha una struttura portante in legno massello, tamponamenti in derivati dello stesso classe E1,rivestita in poliuretano espanso. Cuscinatura seduta e schienale in Chateauflex: poliuretano ecologico ed indeformabile. Il molleggio della seduta e dello schienale è ottenuto con l’impiego di nastri elastici. Non mi fanno impazzire i divani in pelle, ma questa collezione 2016 ha superato ogni aspettativa.

 

https://www.arredamento.it/come-scegliere-tra-i-divani-letto-matrimoniali-ikea_NG7.jpg